Legor e Valmet rafforzano la loro presenza nel settore della gioielleria e degli accessori fashion.

L’ accordo prevede l’acquisizione del 60% delle quote di Valmet spa da parte di Legor Group spa, con un impegno dichiarato per una partnership sostenibile

Legor, leader italiano nella produzione di leghe preziose per il settore della gioielleria e presente nel mercato delle soluzioni galvaniche degli accessori fashion e Valmet, capofila di un network di aziende che include Valmet Plating, Valmet Refining e Valmet Ecology, ed opera nel settore della moda con prodotti e servizi di eccellenza per la lavorazione degli accessori, nonché nel recupero dei metalli preziosi e nella gestione sostenibile dei rifiuti, hanno concluso un accordo sul capitale che prevede l’ingresso di Valmet nel Gruppo Legor e il reinvestimento di Francesco Pallotti in minoranza nel capitale di Valmet S.p.A. 

Il nascente Gruppo, con un fatturato complessivo nel 2023 di oltre 170 milioni di euro, ha dimostrato una crescita costante differenziando i propri ambiti di business e intende realizzare un’integrazione verticale del modello di business che risponda in modo più efficace alle esigenze dei clienti, favorendo una ampia convergenza verso pratiche di sostenibilità avanzata, pur mantenendo l’identità e l’autonomia di ciascuna delle realtà costitutive. Questo accordo vuole rafforzare la posizione di Legor e di Valmet come protagonisti nel mercato dell’alta gioielleria e degli accessori fashion, costituendo uno dei più importanti operatori mondiali, dare maggiore forza per nuovi investimenti e potenziare le strutture esistenti. 

Massimo Poliero (Presidente e CEO Legor) ha sottolineato: “La partnership tra Legor e Valmet è stata resa possibile in primis da una profonda comunione di valori che lega le nostre famiglie. Questa condivisione è stata un catalizzatore chiave per l’ulteriore sviluppo della collaborazione tra le aziende. La partnership con Valmet non si limita a una transazione commerciale, ma rappresenta un impegno per creare un player affidabile e forte che possa costituire un riferimento stabile per il mondo del lusso e della gioielleria, un partner insomma con cui sviluppare insieme progetti sempre più orientati alla sostenibilità. il nuovo Gruppo sta già investendo per sviluppare soluzioni innovative e responsabili per i nostri clienti.” 

Francesco Pallotti (CEO Valmet) commenta: “In un mercato sempre più dinamico ed in continua evoluzione la collaborazione tra Legor e Valmet rappresenta più di una semplice fusione; è un simbolo di unità familiare e di condivisione etica. Le nostre radici nell’integrità, la sostenibilità e la responsabilità non sono solo fondamenta solide su cui costruire, ma anche un faro che illumina il nostro cammino verso il futuro. Unendo le nostre competenze, risorse e know-how, siamo pronti a esplorare nuovi orizzonti, tracciando percorsi paralleli con obiettivi comuni, rafforzando la nostra posizione nel settore, e scrivendo così un nuovo capitolo, per servire meglio i nostri clienti e portare avanti la nostra visione” 

Con quattro siti produttivi e quattro laboratori chimici, Valmet attualmente svolge un ruolo di primo piano nell’industria della moda e dell’accessorio fashion, integrando le sue attività con un focus sulla sostenibilità. Da parte sua Legor ha una consolidata presenza nel mercato italiano ed internazionale, grazie ad una rete di oltre dieci filiali presenti nei maggiori paesi produttori di gioielleria e accessori moda, offrendo prodotti e servizi basati sulle competenze metallurgiche e chimiche sviluppate in più di 40 anni di esperienza nel settore. La partnership tra Legor e Valmet mira a unire le forze per promuovere la responsabilità ambientale, l’efficienza energetica e la gestione sostenibile delle risorse. 

L’operazione è stata coordinata per Legor Group da Carmen Poliero AD e Corso Balboni DG assistiti da Francesco Ferragina e Matteo Mancaruso di Kon Group in qualità di advisor finanziario, dallo studio legale DFA di Vicenza per i profili legali; Valmet è stata assistita dallo studio legale Battisti & Bellini di Firenze e dallo studio Vignoli di Firenze per i profili fiscali; le banche partner dell’operazione sono state BNL BNP Paribas e UniCredit, assistite dallo studio Grimaldi Alliance con team multidisciplinare guidato dagli Avv. Angelo Alfonso Speranza e Marco Franzini, ed hanno concesso un finanziamento con presenza di obiettivi di sostenibilità coerenti con le strategie di transizione di Legor Group.